Alette di pollo affumicate con salsa al whiskey / Smoked Louisville Chicken Wings

Se mi chiedete cosa mi manca di più del Canada e di Toronto – culinariamente parlando – potrei rispondervi così: lo Starbucks, le birre canadesi, il cibo indiano, thai ed etiope e… la carne, in particolare le costolette di maiale e le alette di pollo (chicken wings). È ancora vivo nel mio palato il ricordo di tutte quelle serate passate con Concita e con il mio ragazzo da Duff’s Famous Wings su College St. o su Bayview, in cui annegavamo in bicchieri di birra Alexander Keith’s e ci abbuffavamo di patatine fritte e Buffalo chicken wings piccanti. Le alette di Duff’s sono frittissime e non affumicate. Sul loro menu ci sono addirittura – meglio prevenire che curare – le indicazioni per la salsa piccante, scritte anche a caratteri cubitali sui muri e sulle magliette dei camerieri: Medium is Hot; Medium Hot is very Hot; Hot is very, very Hot.
Ho voluto provare a cucinare le mitiche alette di pollo a casa Giacobbi-Magistà ma al barbecue, non fritte, insomma più leggere (si fa per dire…) prendendo spunto, per la salsa, dalla ricetta proposta dal sito di BBQ4All e dalla mia esperienza canadese, ovviamente. Abbiamo, inoltre, provato a marinare 4-5 alette con la mitica salsa Stubb’s (piccantina) comprata a Bari da un rivenditore Weber.
E così sono molto orgogliosa di dirvi che siamo riusciti a portare un pezzo di US-Canada a Conversano. Ecco le nostre chicken wings affumicate al bbq (più sotto trovate la versione per la cottura al forno). Risultato? Sublimi ma con un unico difetto: non finiresti mai di mangiarne! Da leccarsi dita, gomiti e orecchie…!!!!

************************************

If you ask me what I miss the most of Canada and Toronto – talking about food – is Starbucks, Canadian beer, Indian, Thai and Ethiopian food and … meat, of course, in particular pork ribs and chicken wings. The memory of all those evenings spent with Concita and my boyfriend at Duff’s Famous Wings on College or on Bayview St., where we stuffed ourselves with Alexander Keith’s beer, fries and Buffalo chicken wings is still alive in my mouth. *mouthwatering*
Duff’s famous wings are deep fried and not smoked. On their menu there are some indications for the hot sauce, also written in huge capital letters on the walls and on the waiters’ shirts: Medium is Hot, Medium Hot is very Hot, Hot is very, very hot.
I tried to cook the sauce of the legendary chicken wings at home using the recipe of BBQ 4 All website while we marinated 4-5 chicken wings with Stubb’s sauce we found in a Bari store. Well, I’m very proud to say we succeeded in bringing a little piece of US-Canada to Conversano.
Here are our bbq smoked Louisville chicken wings (below you will find the version for oven). The result? They were sublime but with one flaw: they are addictive!

freccia verso il basso 2freccia verso il basso 2freccia verso il basso 2freccia verso il basso 2freccia verso il basso 2freccia verso il basso 2freccia verso il basso 2freccia verso il basso 2freccia verso il basso 2freccia verso il basso 2freccia verso il basso 2freccia verso il basso 2freccia verso il basso 2freccia verso il basso 2freccia verso il basso 2freccia verso il basso 2

Metodo di cottura per BBQ: indiretta / Indirect grilling

Difficoltà: alta / Difficulty: high

Ingredienti / Ingredients

1 Kg di Ali di pollo / 2 pounds chicken wings

Per il rub

1/2 Cucchiaino di pepe nero / 1/2 tbs black pepper

1 cucchiaio di sale / 1 tbs salt

1 cucchiaio di paprika dolce / 1 tbs sweet paprika

Per la salsa di marinatura / sauce

175 g Burro / 175 gr butter (6 oz)

75 ml Succo di limone / 75 ml fresh lemon juice (1/3 cup)

50 g senape di Dijon / 50 gr Dijon-style mustard (2 oz)

1,5 Cucchiaio di zucchero di canna / 2 tbs sugar

qualche goccia di tabasco o la vostra “hot sauce” preferita / Tabasco or your fave hot sauce

1 Cucchiaio di doppio concentrato di pomodoro / 1 tbs tomato paste

100 ml Bourbon Whiskey / 100 ml Bourbon Whiskey (1/2 cup)

Preparazione / Preparation

Pulite le alette passandole sulla fiamma del fornello per togliere l’eventuale piumaggio.

In un recipiente condite le alette con un rub di sale, pepe e paprika. Lasciatele insaporire per almeno mezz’ora (fuori dal frigo).

Preparate intanto la marinatura.

In una padella sciogliete il burro. Aggiungete il concentrato di pomodoro, lo zucchero di canna, il succo di limone e la senape.

Cuocete mescolando con una frusta o con un cucchiaio di legno fino a che la salsa non assumerà una certa consistenza. Riportate a bollore e quando ricomincia a sfrigolare aggiungete il whiskey. Riportate nuovamente a bollore e lasciate evaporare l’alcool a fuoco lento per circa 5 minuti.

Mettete la marinatura in un recipiente cilindrico alto e passatela al minipimer. Questa operazione serve ad emulsionare la marinatura e renderla cremosa e omogenea.

Lasciate intiepidire e successivamente versatela nel contenitore con le ali (io ne ho tenuti tre cucchiai da parte che ho utilizzato dopo) disposte in un unico strato. Mescolate con le mani. Lasciatele marinare, coperte con la pellicola (deve essere a contatto il più possibile con le alette in modo da non far passare l’aria), in frigo, per almeno 8 ore, rimescolando ogni tanto.

Preparate gli hickory chunks o chips (legnetti di melo o noce americano) per l’affumicatura e sistemate il bbq per la cottura indiretta. Stabilizzate a circa 170°C.

Togliete le alette dal frigo almeno un’ora prima della cottura. Date una mescolata e aggiungete la restante salsa avanzata prima e rimescolate.

Mettete i pezzetti di legno coperti d’acqua in una bacinella e lasciateli in ammollo per un’ora. Passato il tempo necessario, scolateli e scrollateli dall’acqua residua. Travasateli in un contenitore asciutto mentre preparate il bbq per la cottura.

Sistemate le alette sul grill. Aggiungete i legnetti e affumicate il tutto per 40 minuti, mantenendo la temperatura stabilizzata sui 170°C circa e con il coperchio chiuso.

A fine cottura passatele dal lato delle braci per rendere la pelle croccante per qualche minuto.

Se non avete il barbecue potete farle in forno così. Mettetele in una teglia e infornate per 40 minuti a circa 180°C. Mancherà però la nota affumicata che, credetemi, fa davvero la differenza.

Servite calde. Io le ho cosparse una volta nel piatto con salsa bbq hickory che mi ha portato una cara amica dal Canada. Fantastiche!!!!

PS: la prossima volta al posto del Tabasco proveremo la Frank’s Red Hot Sauce che abbiamo comprato online.

*************************

Wash the chicken wings. Place them in a large bowl and toss with salt, paprika, black pepper, and paprika. Let marinate for 1/2 hour.

In the meanwhile prepare the sauce. Melt the butter in a saucepan, stir with a wooden spoon and add the tomato paste, the brown sugar, the lemon juice and the mustard.

Pour the warm sauce over the wings and mix with your hands. Let them marinate for at least 8 hours.

Set up your grill for indirect grilling and preheat to 170°C (330°F). Toss the chips on the charcoals.

Arrange the chicken wings on the grate away from the fire and  grill until golden brown and cooked for 40 minutes. In the last few minutes move the wings directly over the fire and direct grill until cracking crisp.

If you cook your chicken wings in the oven: place them in a baking pan and cook for 40 minutes (180°C-330°F).

IMG_9464

IMG_9466

IMG_9470

IMG_9476

IMG_9478

IMG_9483

IMG_9486

IMG_9489

IMG_9492

IMG_9495

IMG_9500

IMG_9503

IMG_9509

IMG_9513

IMG_9511

IMG_9514

IMG_9526

IMG_9527

PLEASE NOTE: © Pasta loves me, (2011). Unauthorized use and/or duplication of this material without express and written permission from this blog’s author and/or owner is strictly prohibited. Excerpts and links may be used, provided that full and clear credit is given to Simona Giacobbi and SiGia’s Blog with appropriate and specific direction to the original. content.

About pasta loves me

Giornalista professionista emiliana, fondatrice del sito PugliaMonAmour.it, laurea in lingue e master in Social Communication. Cresciuta a tortelli e gnocchi, impara a cucinare in Canada dove ha vissuto sei anni e dove ha lavorato per il Corriere Canadese. Amante e studiosa del barbecue, creatrice del food blog PastaLovesMe.com e delle Pizze Pioggia e Puglia Mon Amour inserite nel menu di una pizzeria di Cisternino, tra le più apprezzate, ama cucinare, raccontare, fotografare, organizzare eventi e... fare la pizza napoletana in casa. Fa parte dell'Associazione Le Donne del Vino Delegazione Puglia, è stata giudice in diversi concorsi enogastronomici e ha collaborato con il Cucchiaio d'Argento e I Love Italian Food. Conduce su Telenorba la trasmissione “I colori della nostra terra”, approfondimento settimanale sul territorio, turismo, agroalimentare ed enogastronomia.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s